Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Sports » F1, Vettel domina il Gp d’India e conquista il quarto titolo mondiale
Cerca la tua anima gemella
F1, Vettel domina il Gp d’India e conquista il quarto titolo mondiale

F1, Vettel domina il Gp d’India e conquista il quarto titolo mondiale

GREATER NOIDA (India) - Sebastian Vettel che scende dalla macchina, la parcheggia in pieno rettilineo e si inchina davanti alla Red Bull: l’immagine rimarrà nella storia della F1 perché il tedesco è ormai sul tetto del mondo. Con la vittoria di oggi si porta a casa il suo quarto titolo mondiale di F1, come Alain Prost.
Un …

Review Overview

By VideoTV4

Summary : Gara show del tedesco che spinge come se fosse in qualifica e domina la gara. Ora nell'albo d'oro della F1 è allo stesso livello di Prost. La Red Bull vince il titolo mondiale costruttori

0

GREATER NOIDA (India) - Sebastian Vettel che scende dalla macchina, la parcheggia in pieno rettilineo e si inchina davanti alla Red Bull: l’immagine rimarrà nella storia della F1 perché il tedesco è ormai sul tetto del mondo. Con la vittoria di oggi si porta a casa il suo quarto titolo mondiale di F1, come Alain Prost.

Un titolo mondiale conquistato con forza, perché come nel 2010 ad Abud Dhabi, Vettel si è anche portato a casa la vittoria al Gp che l’ha consacrato numero uno nel mondiale. E dire che oggi Seb si poteva anche prendere il lusso di non arrivare alla bandiera a scacchi: sarebbe stato campione lo stesso visto che Fernando Alonso ha chiuso con una deludente 11a posizione dopo una gara tutta in salita: lo spagnolo ha infatti danneggiato l’ala anteriore al via e dopo il pit stop obbligato è precipitato nelle retrovie.

La Ferrari, intanto, – nel giorno in cui la Red Bull vince anche il titolo costruttori – si consola con il quarto posto di Felipe Massa che dopo una bella partenza si è anche trovato momentaneamente in testa alla gara per poi rimanere spiazzato dalla bella gara di Nico Rosberg (secondo) e soprattutto dalla Lotus del francese Romain Grosjean che è riuscito nel miracolo di fare un solo pit stop. Un campione anche lui.

La gara infatti è stata piena di colpi di scena: Vettel è scattato al comando ma dopo

due giri – a sorpresa – ha fatto la prima sosta per cambiare le gomme soft. Poi parte bene la Ferrari di Massa che dal quinto sale al secondo posto, mentre Alonso vede compromessa la sua corsa a causa di un contatto con Mark Webber che lo costringe ai box per sostituire l’ala anteriore. L’australiano, dal canto suo, comanda la gara per buona parte della fase iniziale quando poi nella bagarre dei vari pit stop viene di nuovo superato da Vettel autore di una rimonta a colpi di giri veloci. Una volta al comando, il tedesco si invola verso il traguardo amministrando senza problemi il vantaggio. Al 40 giro Webber è costretto al ritiro per problemi al Drs e questo fa scatenare la bagarre per il podio. Rosberg con una gara regolare chiude secondo dopo un sorpasso a Raikkonen. Proprio il finlandese nel finale paga il degrado delle gomme e la tattica suicida con un solo pit (il secondo a 2 giri dal termine) e nei giri finali viene rimontato prima da Grosjean, poi da Massa e via via anche da Perez ed Hamilton. La tattica a una sosta premia invece Grosjean che resiste agli attacchi di Massa e porta a casa un prezioso terzo posto.

Ma torniamo a Vettel che a soli 26 anni manda in tilt tutti i contatori della F1: è al 10° successo stagionale e al 36° della carriera, vince la sesta gara di fila e archivia il Mondiale con 3 Gp d’anticipo rispetto alla fine della stagione. Volendo si potrebbe andare avanti all’infinito perché in F1 non si era mai vista una cosa del genere, considerando che davanti a lui ormai ci sono solo Fangio, con 5 titoli, e Schumacher, con sette.

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com