Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Technology » Facciamocene una ragione: siamo tutti spiati anche quando parliamo di pasta al burro
Cerca la tua anima gemella
Facciamocene una ragione: siamo tutti spiati anche quando parliamo di pasta al burro

Facciamocene una ragione: siamo tutti spiati anche quando parliamo di pasta al burro

Ma a cosa mai penseranno i politici del mondo? Quali saranno i loro pensieri più ricorrenti? Cosa gli frullerà mai nelle lunghe giornate lavorative in quella scatoletta cranica tanto bene remunerata?
Domande più che lecite che passano per la testa del comune cittadino quando si assiste a scandali tipo quello del Datagate.

Eh sì, perché ad un certo punto i politici di tutto il mondo hanno fatto la clamorosa scoperta e l’hanno pure pubblicizzata su ogni media possibile e immaginabile: e cioè che siamo tutti spiati. Sì proprio spiati, ascoltati, intercettati, qualche volta trascritti ad uso e consumo di qualcun altro desideroso di sapere un po’ dei fatti degli altri.
E lo scandalo, in bocca ai politici mondiali, sta gonfiando a dismisura, condito da uno sdegno cosmico. Ma come ci si spia anche tra paesi amici, ma come venivamo spiati e non ne sapevamo nulla, ma come miliardi e miliardi di telefonate, messaggini, mail e chissà quante altre cose vengono ascoltate o lette anche da qualcuno che non è il destinatario?
E lì, come dicevo, sdegno, riprovazione, incredulità, stupore, richieste di spiegazioni, minacce di ritorsioni. Tutto finto, secondo me, tutto un gioco col tratto facilmente identificabile dell’ipocrisia.
Ed è questo che fa ancora più arrabbiare il cittadino comune, l’ordinary people che qualche volta usa il telefonino per dire alla moglie “butta la pasta che sto arrivando”.
Veramente stupefacente la sorpresa espressa da alcuni governi verso altri governi. Veramente risibili le domande e le risposte riguardo al problema.
D’altra parte, basterebbe farsi ogni tanto qualche domanda piccola piccola (che i governi fanno finta di non farsi).
Cosa mai staranno facendo anche in questo momento i servizi segreti americani per evitare un altro 11 settembre? Cosa mai staranno facendo anche ora i servizi segreti russi per non farsi fregare in qualche campo dagli americani o dai cinesi? E i servizi segreti di Israele impegnato in difficoltose convivenze e vicinanze, se ne staranno forse con le mani in mano? E quelli siriani e quelli giapponesi e quelli italiani e tutti gli altri saranno forse tutti cassintegrati o rintanati in qualche polveroso ufficio a giocare alle parole crociate?
Suvvia, non prendiamoci in giro. Tutti spiano tutti e non meravigliamoci più di tanto. Chi lo fa per alzare barriere per la sicurezza, chi lo fa per difesa, chi lo fa per attacco, chi lo fa solo per essere al corrente di tutto ciò che accade intorno.
Non c’è da fare finta di stupirsi né di gridare allo scandalo. Basti pensare che se uno dei miliardi di telefonini che sono in circolazione sulla Terra viene rubato con destrezza da una tasca, grazie a qualche marchingegno è in teoria (la pratica poi è un’altra cosa) possibile localizzarlo e magari recuperarlo.
Vi immaginate quindi cosa sia possibile fare con la tecnologia ultramoderna che alloggia in qualsiasi casa e, ancora di più, in ogni ufficio di ogni servizio segreto di ogni paese del mondo?
Ieri, mentre ero al computer, mi è apparsa una pubblicità che non gradivo, e quindi l’ho chiusa immediatamente. Google, se non sbaglio, mi ha chiesto scusa per la pubblicità sgradita e me ne ha subito mandata un’altra, di altro tenore.
Così va la vita fra satelliti, telefonini e computer. Mettiamoci l’animo in pace, siamo tutti spiati, ascoltati, intercettati. Anche quando diciamo: “stasera la pasta la mangerei col burro e il parmigiano”.

Ma a cosa mai penseranno i politici del mondo? Quali saranno i loro pensieri più ricorrenti? Cosa gli frullerà mai nelle lunghe giornate lavorative in quella scatoletta cranica tanto bene remunerata?
Domande più che lecite che passano per la testa del comune cittadino quando si assiste a scandali tipo quello del Datagate.
Eh sì, perché ad un …

Review Overview

VudeiTV4

Summary : <<TUTTO CIO CHE FATE SIETE SPIATI>>

0
L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com