Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Economia&Finanza » Gdf, uno su tre non fa lo scontrino Un miliardo al mese se ne va all’estero
Cerca la tua anima gemella
Gdf, uno su tre non fa lo scontrino  Un miliardo al mese se ne va all’estero

Gdf, uno su tre non fa lo scontrino Un miliardo al mese se ne va all’estero

Le Fiamme Gialle hanno reso noto il rapporto per i primi cinque mesi dell’anno. Restano elevati l’evasione, soprattutto nei piccoli esercizi, e il movimento di capitali verso Paesi offshore. Pesanti anche gli sprechi e gli abusi nella pubblica amministrazione: valgono 957 milioni di euro

ROMA - Un esercizio commerciale su tre continua a non emettere scontrini o ricevute fiscali. Nei primi cinque mesi del 2013, l’Italia si conferma terra di evasori e furbetti, Paese nel quale un miliardo al mese viene nascosto al fisco e portato all’estero. Nel giorno del suo 239esimo anniversario la Guardia di Finanza rende noti i dati relativi al periodo da gennaio a maggio e non è affatto un caso che anche oggi, nel corso dell’incontro con i vertici del Corpo, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sia tornato a ribadire che le Fiamme Gialle rappresentano un “punto di riferimento” a difesa della legalità. E anche delle casse dello Stato, perché in cinque mesi sono stati riscontrati abusi e sprechi nella pubblica amministrazione per oltre 900 milioni di euro.

SPESA PUBBLICA: L’azione a tutela del bilancio pubblico, sottolinea la Gdf, è stata “ulteriormente rafforzata” in questi cinque mesi “allo scopo di individuare sprechi e abusi” nella pubblica amministrazione ma anche le truffe agli enti assistenziali e previdenziali. Ciò nonostante, il danno prodotto all’erario è già di 957 milioni. C’è chi si finge povero e chi invalido, ma ci sono anche le truffe nell’erogazione di incentivi pubblici a sostegno delle attività industriali, infrastrutturali e di sfruttamento delle energie rinnovabili.

SCONTRINI FISCALI: Se il pubblico non funziona, non va meglio nel privato. I controlli su bar, negozi, ristoranti, hanno infatti confermato un trend già evidenziato lo scorso anno: un esercizio commerciale su tre non emette lo scontrino o la ricevuta fiscale. Su 166.737 controlli complessivi fatti da gennaio a maggio, infatti, il 33% è risultato irregolare.

EVASIONE FISCALE: Sono invece 5,5 i miliardi di evasione fiscale internazionale recuperati dalla Gdf – soldi portati all’estero con manovre che vanno dalla falsa residenza a pratiche di transfer pricing e a sofisticate manovre elusive – mentre sono stati scoperti 3.506 evasori fiscali totali, persone o società completamente sconosciute al fisco, con la residenza fittizia all’estero e l’attività in Italia. Particolare attenzione è poi stata dedicata alle frodi carosello, truffe realizzate con il coinvolgimento di altri paesi e la costituzione di società ‘cartiere’, vere e proprie scatole vuote, create con l’unico scopo di generare fatture false. Ben 286 sono le persone denunciate dall’inizio dell’anno per questo tipo di frodi, responsabili di aver evaso 317 milioni di Iva. Nei primi cinque mesi dell’anno, inoltre, sono stati scoperti 14.149 lavoratori in nero o irregolari e denunciati 2.338 datori di lavoro.

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com