Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Science » I Pianeti ‘Rotisserie’ potrebbero ospitare la vita Aliena – Ricoperti dal Oceano
Cerca la tua anima gemella
I Pianeti ‘Rotisserie’ potrebbero ospitare la vita Aliena – Ricoperti dal Oceano

I Pianeti ‘Rotisserie’ potrebbero ospitare la vita Aliena – Ricoperti dal Oceano

scr00009Gli scienziati ora ritengono che i pianeti con la  filatura su un fianco potrebbe essere più abitabile del previsto se coperto da oceani

Pianeti con la filatura su un fianco sono stati a lungo ipotizzati  di avere il clima  troppo estremo per la vita per come  la conosciamo sulla Terra, ma ora, gli scienziati hanno scoperto che alcuni di questi mondi “arrostiti” potrebbero essere più ospitali.

Se questi pianeti alieni , che ruotano lateralmente come un maiale alla brace, sono coperti  dagli oceani, che  potrebbero in realtà avere il  clima primaverile mite per tutto l’anno, dicono gli scienziati, la scoperta di un  numero di pianeti potenzialmente abitabili dove potrebbe essere trovata la vita.

Negli ultimi due decenni o giù di lì, gli astronomi hanno confermato l’esistenza di più di 1.800 mondi che orbitano intorno a stelle lontane, aumentando la possibilità che alcuni di questi pianeti extrasolari potrebbero essere la casa per la vita extraterrestre (aliena). La ricerca sui  alieni si concentra spesso su pianeti che assomigliano la Terra, l’unico mondo conosciuto dall’uomo per ospitare la vita dimenticando si  spesso i pianeti estremi che noi non approfondiamo   fino al fondo con la speranza di trovare sempre un pianeta come la nostra terra gemella per la sua grandezza e distanza dalla sua stella madre.

 

   

Un fattore chiave si sta  interessando se un pianeta che potrebbe essere abitabile è la sua obliquità, il grado in cui l’asse su cui gira sul  pianeta Tilts. La sua  influenza e la quantità di luce solare distribuita di ogni punto del  pianeta che copre  i suoi angoli del  nel corso del’anno. La  maggiore obliquità i più estreme le sue stagioni sono.

Terra ha una relativamente bassa inclinazione assiale di circa 23,5 gradi. Tuttavia, i ricercatori sospettano che gli esopianeti  possono visualizzare una gamma di obliquità, simile a qualsiasi cosa, da una trottola verticale o una rotazione orizzontale.

scr00118

Gli scienziati avevano pensato che il più estrema è  l’inclinazione, il pianeta  meno al vita abitabile si svilupperebbe .

“L’aspettativa era che tale pianeta non sarebbe abitabile – sarebbe fondamentalmente in bollitura , e congelamento, che sarebbe davvero dura per la vita a resistere e sopravvivere”, l’autore principale dello studio del esopianeta di David Ferreira, uno scienziato del clima presso l’Università di Reading in Inghilterra,  ha detto in una sua dichiarazione .

Tuttavia, Ferreira dice che  nuove scoperte dei suoi colleghi sfidano quelle aspettative, dimostrando che questi pianeti molto inclinati possono rimanere abitabili se coperti interamente da oceani. “Nella ricerca dei pianeti extrasolari abitabili, stiamo dicendo,  che non è scontato con quelli ad alta obliquità come sono inadatti per la vita”, ha aggiunto Ferreira in un comunicato stampa.

Per vedere ciò che la vita potrebbe essere come su i pianeti abitabili con le inclinazioni estremi, i ricercatori hanno simulato pianeti Terra-size , interamente rivestita in acqua girando introno le loro stelle alla stessa distanza della terra che orbita attorno al sole. I modelli 3D simulati e la circolazione tra l’atmosfera, l’oceano e il ghiaccio del mare su mondo interamente coperto dal’acqua  con gli oceani con la profondità di 3 chilometri e i pianeti profondi  come la palude e con oceani relativamente poco profondi che erano al incirca di 10 metri , o 50 metri  e i 200 m di profondità.

scr00119

 ricercatori hanno simulato pianeti a tre obliquità. Il primo è stato di 23,5 gradi, come la Terra. La prossima era di 54 gradi, il punto in cui i poli ricevono più luce solare annuo in media rispetto all’equatore. L’ultimo è stato di 90 gradi, il punto in cui un pianeta è essenzialmente sdraiato su un fianco – i poli sarebbero ogni punto della stella per un trimestre, e poi via per un altro quarto, alternando estrema  di luce e le tenebre.

Ferreira ed i suoi colleghi hanno scoperto che un oceano globale avrebbe assorbito abbastanza energia solare dalla stella e poi  rilasciarlo nell’atmosfera per un tale pianeta  per mantenere un piuttosto il clima mite, primaverile tutto l’anno.

“Abbiamo scoperto che  il clima dell’oceano con il calore durante l’estate  la restituisce in inverno, quindi il clima è ancora piuttosto mite, anche nel cuore della notte polare freddo, dichiarando Ferreira. 10 pianeti alieni che potrebbero ospitare la vita ]

Anche un superficiale globale  del oceano è al in  circa 50 m in profondità sarebbe sufficiente per mantenere un pianeta ad alta obliquità a una media di circa 60 gradi Fahrenheit 15,5 gradi Celsius per tutto l’anno.

“Il risultato più sorprendente qui è come poco che  l’oceano è necessario per mantenere un clima mite ai poli, anche nel cuore della invernali ed estivi durante il suo tempo”, ha detto Ferreira su  Space.com. “Noi non ci aspettavamo come è efficiente un oceano, anche uno poco profondo, sarebbe il clima  temperata.”

Precedenti ricerche avevano suggerito che le grandi differenze di temperatura tra i lati chiari e scuri di un pianeta ad alta obliquità potrebbero portare il tempo con la temperatura  aggressiva e rovente. Tuttavia, gli scienziati di  S.E.E.A con forte differenza nell’intensità del tempo su tali mondi rispetto al tempo sulla Terra. Invece, “ad alta obliquità, tempo più attivo si verifica in estate, mentre gli inverni sono momenti tranquilli in termini di attività come le tempeste”, ha detto Ferreira. ”Questo è il contrario di ciò che accade sulla Terra.”

Le simulazioni hanno scoperto che la vita potrebbe prosperare su un pianeta acquatico altamente inclinato, ma solo fino a un certo punto. Acqua a 10 m di profondità che non avrebbero assorbito abbastanza calore per mantenere il clima planetario abitabile. Invece, non appena il ghiaccio formato sul lato oscuro di tale pianeta, il ghiaccio si diffonderebbe rapidamente. Le lastre di ghiaccio enormi  rifletterebbero i raggi della stella del pianeta, mantenendo il pianeta freddo ed ad aiutare la diffusione del ghiaccio ulteriormente. L’effetto fuga risultante sarebbe poi avvolgere il pianeta completamente di ghiaccio.

scr00126

“Alcune persone hanno pensato che un pianeta con una grande obliquità potrebbe avere ghiaccio dietro l’equatore ei poli sarebbero caldo” Ferreira, ha detto in un comunicato. “Ma scopriamo che non c’è stato intermedio. Se c’è troppo poco oceano, il pianeta può crollare in un palla di neve . Allora non sarebbe abitabile, ovviamente. “

In futuro, i ricercatori possono simulare mondi ricoperti di terra e di acqua.  Ferreira e i suoi colleghi   John Marshall, Paul O’Gorman e Sara Seager, tutti nel  dettaglio i loro risultati delle scoperte troverete nel numero del 15 novembre 2014 della rivista Icarus…

 

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com