Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Politica » Imu, Pdl: “Abolizione o crisi di governo” Fassina: “No risorse per toglierla a tutti
Cerca la tua anima gemella
Imu, Pdl: “Abolizione o crisi di governo” Fassina: “No risorse per toglierla a tutti

Imu, Pdl: “Abolizione o crisi di governo” Fassina: “No risorse per toglierla a tutti

ROMA - L’Imu della discordia. E della rottura. Se il Pdl rinnova gli ultimatum al governo, non vuole però riceverne: “Non pensi Saccomanni di arrivare in Consiglio dei ministri con una proposta ‘prendere o lasciare’ sull’Imu. Dati i tempi non penso che sarebbe produttivo”, avvisa il capogruppo alla Camera Renato Brunetta. “Sull’Imu io non ho nessuna …

Review Overview

0

By VideoTV4

Summary : Mercoledì in Consiglio dei ministri la resa dei conti. L'eliminazione dell'imposta sulla prima casa diventa anche l'alibi dello scontro sul caso Berlusconi. Cicchitto ripete l'ultimatum, ma il viceministro all'Economia avverte: "Non possiamo esentare chi ha case di lusso, non avremmo i soldi per rifinanziare la cassa integrazione". Letta: "Follia una crisi di governo ora

0

Il capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta

ROMA - L’Imu della discordia. E della rottura. Se il Pdl rinnova gli ultimatum al governo, non vuole però riceverne: “Non pensi Saccomanni di arrivare in Consiglio dei ministri con una proposta ‘prendere o lasciare’ sull’Imu. Dati i tempi non penso che sarebbe produttivo”, avvisa il capogruppo alla Camera Renato Brunetta. “Sull’Imu io non ho nessuna informazione e mi sono anche stufato di questo modo di procedere per indiscrezioni del governo”. Brunetta sostiene che “si sapeva sin dall’inizio che l’Imu era un problema e il Pdl il 22 luglio ha consegnato a Saccomammi un articolato con proposte e le relative coperture. Ma ad oggi ho sentito solo indiscrezioni, chiacchiere e non una proposta”.

Posizioni e tensioni che non rassicurano il premier Letta, che tornando dall’Afghanistan dove ha visitato le basi italiane, ha detto ai giornalisti che “buttare a mare tutto in questo momento sarebbe una follia”. E poi: “Voglio lavorare perché il buon senso prevalga e sono convinto che prevarrà, altrimenti si entrerebbe in un avvitamento figlio dell’irrazionalità che non servirebbe al paese”. Ovvero: “Non bisogna andare alla crisi di governo e alle elezioni ma lavorare alle giuste soluzioni in un quadro complesso”.

Sul punto dell’Imu Letta ha negato ritardi: “Si apre una settimana con due Consigli dei ministri. Sull’Imu non c’è nessun rinvio perché c’è una data, il 31 agosto e la scadenza del 16 settembre”.

Ieri, dopo il vertice ad Arcore, il segretario del Pdl Angelino Alfano aveva ribadito che per la sopravvivenza del governo è “necessario il rispetto degli impegni programmatici a partire dall’abolizione dell’Imu su prima casa e agricoltura”. Stamattina il concetto è stato ribadito dall’ex capogruppo Fabrizio Cicchitto: “Mercoledì il governo deve abolire l’Imu – afferma il deputato – questa è l’altra questione che riteniamo fondamentale per proseguire la strada dell’esecutivo”. Non accetteremo compromessi al ribasso, aggiunge Daniela Santanché, che si dice ottimista sulla decisione del Cdm di mercoledì: “Hanno talmente paura che questo governo cada – afferma la coordinatrice Pdl – che cederanno e noi saremo cosi riusciti a portare a casa una cosa molto utile per gli italiani”.

Il governo continua a rispondere facendo riferimento alle cifre: “Le risorse per cancellare l’Imu sulla prima casa non sono sufficienti ad esentare anche le abitazioni di lusso – afferma il viceministro all’Economia, Stefano Fassina – vorrei che il Pdl prestasse attenzione non solo verso chi ha appartamenti di 400 metri quadrati, ma anche verso chi rischia di non vedere rifinanziata la Cig in deroga”.

Fassina, esponente del Pd, dopo aver definito “irricevibili” i “toni ultimativi” del Pdl, parla di scelte di contingenza e di emergenza per il Paese: “Mi pare che il Pdl abbia già deciso di rompere – dice – noi come governo però non possiamo guardare in faccia un disoccupato e dirgli che non gli diamo l’indennità di disoccupazione perché abbiamo tolto l’Imu a chi ha un mega appartamento in centro. Abbiamo poche risorse e quattro priorità: Imu, Iva, cassa integrazione in deroga ed esodati. Su queste quattro priorità dobbiamo allocare risorse che sono scarse”.

Il no all’abolizione dell’Imu nuda e cruda arriva anche da Piero Fassino, sindaco di Torino e presidente dell’Anci, che ne fa una questione di finanze comunali: “L’abolizione dell’Imu comporta un buco finanziario insostenibile”. E continua: “Se il governo decide di abolirla bisogna che contestualmente si dica ai comuni con quali altre risorse vengono sostituite i flussi finanziari che oggi sono garantiti dall’Imu. Non si tratta di una questione di principio cosi come aveva detto Renato Brunetta nei giorni scorsi ma è una questione concreta”.

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com