Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Ultime Notizie » Datagate, Apple rilascia l’elenco delle richieste governative. Dall’Italia 60 interventi
Cerca la tua anima gemella
Datagate, Apple rilascia l’elenco delle richieste governative. Dall’Italia 60 interventi

Datagate, Apple rilascia l’elenco delle richieste governative. Dall’Italia 60 interventi

DOPO Google e Microsoft anche Apple pubblica un chiarimento in merito alle richieste dei governi mondiali riguardanti il Datagate. L’azienda di Cupertino ha condiviso sul suo sito un documento e una tabella in cui vengono enumerate le richieste governative mondiali e il dettaglio sulle risposte e sui dati forniti, paese per paese, specificando che ha …

Review Overview

VideoTV4

Summary : I dati si riferiscono al periodo dall'1 gennaio al 30 giugno 2013. Nel nostro Paese solleciti per 76 account. A 18 Apple ha risposto, mentre in 34 casi ha rifiutato

0

DOPO Google e Microsoft anche Apple pubblica un chiarimento in merito alle richieste dei governi mondiali riguardanti il Datagate. L’azienda di Cupertino ha condiviso sul suo sito un documento e una tabella in cui vengono enumerate le richieste governative mondiali e il dettaglio sulle risposte e sui dati forniti, paese per paese, specificando che ha condiviso solo le informazioni legalmente autorizzate a diffondere.

IL DOCUMENTO APPLE IN PDF (in inglese)

Per quanto riguarda gli Stati Uniti le richieste di informazioni del governo sono contenute in un ‘range’ che va da mille a duemila, mentre da duemila a tremila quelle sui singoli account. Per l’Italia, il numero di richieste è stato di 60 per un totale di 76 account; a 18 delle richieste Apple ha risposto, mentre in 34 casi ha rifiutato, rispondendo in totale al 37% delle richieste italiane.
“Diversamente da altre aziende che hanno gestito le richieste dei governi sui loro clienti, il business principale di Apple non è quello di raccogliere informazioni”, scrive la società, lanciando così una frecciatina ai suoi concorrenti come Google e Facebook.

“Crediamo – spiega Cupertino nell’incipit del documento – che in nostri clienti abbiano il diritto di capire come vengono mantenute le proprie informazioni, e consideriamo nostra responsabilità quella fornire loro la migliore protezione della privacy possibile”.
I dati pubblicati si riferiscono alle richieste ricevute in un periodo che va dal 1 gennaio al 30 giugno 2013. L’azienda ha suddiviso le richieste in due categorie: quella relativa agli account degli utenti, che contengono informazioni personali, e quelle sui dispostivi, che emergono in caso di smarrimento o furto di iPhone e iPad.

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com