Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Ultime Notizie » Egitto, assalto alla moschea occupata. Il premier: “Sciogliere Fratelli Musulmani”
Cerca la tua anima gemella
Egitto, assalto alla moschea occupata. Il premier: “Sciogliere Fratelli Musulmani”

Egitto, assalto alla moschea occupata. Il premier: “Sciogliere Fratelli Musulmani”

IL CAIRO - La violenza, in Egitto, esplode anche nelle moschee. All’indomani del “Venerdì della rabbia” - finito con quasi 200 morti – il Paese è ancora nel caos. E il centro degli scontri è un luogo di preghiera: la moschea di al-Fatah, al Cairo, dove da ieri si erano barricati centinaia di sostenitori del deposto presidente Morsi.
La …

Review Overview

VideoTV4

Summary : Centinaia di sostenitori di Morsi si erano barricati nella moschea di al-Fatah, in piazza Ramses. L'edificio è stato evacuato dopo l'irruzione delle forze dell'ordine. Negli scontri delle ultime 24 ore 173 morti e 1004 arresti. Fermato anche il fratello del leader di al Qaeda al Zawahiri. La presidenza: "Siamo in guerra contro terrorismo". Fermati e rilasciati giornalisti italiani. Annullate le partenze per il Mar Rosso

0

Assedio alla moschea di Al-Fatah

[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135527753-f981383c-7b5e-47f6-9a63-77bb48f06230.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135527759-106bc61b-dedb-4c25-b482-c216286aa872.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135527763-bd8ec5fc-2933-43f6-aba1-c378a411880a.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135527776-dee18e5d-2130-4ba3-a04a-cd7130d65307.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135527794-4ddd2fd5-a409-4e50-970f-e2e06ae2752c.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135902758-606ef207-7ca4-4b83-9476-480b74c7a6ae.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135902769-b0dedbed-3467-4626-a148-cacfada2e38e.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135902833-84a86a67-44f1-4b71-a0f6-609be0d91e52.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135902841-1bd51571-1375-4bed-a946-e4aa5eb33618.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135902868-3ebb837a-7267-4609-90ce-bff0ad2cf1f1.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_135902897-a109d672-86fe-432d-9bd2-beb70c237158.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_140148544-fd2077b0-0f35-4093-bed1-4671f45ef319.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_140148545-da2a2bcf-0491-4f98-a138-1c14076c712e.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_140148560-46d5dd63-ea90-4205-9864-1094995eafe5.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_140148564-5a6b08e3-e5b4-46bb-ba74-fd0434ba6ae3.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_140148566-66b3aeb9-d311-4387-a404-a78bd4b4c4e4.jpg]60
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_141412093-25262150-961c-44fc-a215-e632fc7ffb7a.jpg]60
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_141412149-f8052f6f-ec2a-4128-80ec-02a09d83cc89.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_141412171-def93208-27cf-4f59-b239-103857264aa2.jpg]40
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_141412196-27421479-774b-4a2b-a76f-c28b8f1fb87c.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_141412206-baf32bd5-3b1f-4685-9d71-23759e8ce594.jpg]50
[img src=http://mezzogiorno.altervista.org/wp-content/flagallery/assedio-alla-moschea-di-al-fatah/thumbs/thumbs_141412236-08a3e26c-7e42-4776-a0e2-aacd7883a6fd.jpg]30

IL CAIRO - La violenza, in Egitto, esplode anche nelle moschee. All’indomani del “Venerdì della rabbia” - finito con quasi 200 morti – il Paese è ancora nel caos. E il centro degli scontri è un luogo di preghiera: la moschea di al-Fatah, al Cairo, dove da ieri si erano barricati centinaia di sostenitori del deposto presidente Morsi.

La battaglia di al-Fatah. Blindati di esercito e polizia hanno raggiunto piazza Ramses – sede della moschea – stringendo d’assedio i dimostranti. Dopo il fallimento delle prime trattative, la situazione è precipitata quando la polizia ha fatto fuoco contro il minareto, per rispondere a colpi sparati da uomini appostati sulla guglia.  Momenti di paura dentro l’edificio, dove si erano radunate tra le 700 e le 1000 persone. “Ci uccidono tutti”, ha gridato una donna. Contemporaneamente, fuori dalla moschea, si era radunata una folla di sostenitori dei militari pronta a linciare gli occupanti. Mentre dalla Fratellanza era partita via Twitter, la chiamata a correre in soccorso degli islamisti. La situazione si è sbloccata quando la polizia, dopo il lancio di lacrimogeni, ha fatto irruzione nella moschea, evacuando l’edificio e scortando i sostenitori di Morsi, per proteggerli dai contestatori all’esterno. La tv di Stato egiziana ha poi riferito che tutti gli occupanti sono stati sgomberati e molti di loro sono stati arrestati.

Fratellanza rischia di tornare fuorilegge. “Non siamo di fronte a un confronto politico, ma a un conflitto con estremisti e terroristi”. E’ la versione del consigliere strategico della presidenza ad interim egiziana, Mustafa Hagazy, intervenuto in conferenza stampa. “Il popolo egiziano è sceso in piazza il 30 giugno contro il fascismo teologico e religioso”, ha aggiunto Hagazy. Rincara la dose il premier Hazem el-Beblawi, che ha proposto lo scioglimento per legge della Fratellanza Musulmana: “Nessuna riconciliazione con chi ha le mani sporche di sangue”, ha aggiunto.

Arrestato fratello al-Zawahiri. Sul dramma egiziano, avanza l’ombra di Al Qaeda. In manette è finito anche il fratello del leader del network terroristico, al-Zawahiri. Quanto agli scontri di ieri, il bilancio diffuso dal Ministero della Salute parla di 173 persone morte, di cui 95 al Cairo. Tra le vittime anche il figlio della guida spirituale dei Fratelli musulmani, Mohamed el Badie. Secondo i dati del ministero dell’Interno la polizia ha arrestato 1004 presunti sostenitori della Fratellanza, di cui 558 nella capitale.

Giornalisti italiani fermati. Momenti d’ansia anche per alcuni giornalisti italiani, scortati dall’esercito durante l’assalto alla moschea e poi subito rilasciati. Si tratta della reporter di Mediaset, Gabriella Simoni, dell’operatore Arturo Scotti, dell’inviata Rai, Maria Gianniti e del tecnico, Sergio Ciani, che l’accompagnava. “C’è stato un attacco degli anti-Morsi, erano arrabbiatissimi con al Jazeera, quando viene pronunciato il nome si scatena l’inferno” – ha raccontato la Simoni -. “Per fortuna il traduttore di quella zona è riuscito a portarci in salvo e poi è intervenuto l’esercito perché nel frattempo quella piazza in qualche modo era di nuovo al centro degli scontri”.

Annullate partenze per Mar Rosso. 
La stragrande maggioranza dei tour operator italiani ha annullato, infine, le partenze per l’Egitto e sta contattando tutti i clienti in partenza per fornire loro alternative, ‘congelare’ il viaggio o concordare il rimborso. Gli aerei stanno decollando vuoti per riportare a casa gli italiani in vacanza nei resort del Mar Rosso: entro domani rientreranno a Roma mille connazionali.

 

“REBLOG”

 

 

  • Fonti sicurezza: arrestato fratello del capo di Al Qaeda, al Zawahiri, per sostegno a Morsi. “Mohamed al Zawahri, fratello del leader di al Qaeda, è stato arrestato a Giza”: lo affermano fonti concordanti della sicurezza egiziana. Mohamed è “un leader della Jihad Islamiya”, sottolineano le fonti.
    da Paolo Gallori 13.27
  • Fratellanza su Twitter: “Tutti alla moschea!”. I Fratelli Musulmani hanno invitato i loro sostenitori a dirigersi verso la moschea al-Fatah, al Cairo, per “salvare i dimostranti che si trovano all’interno”. E’ quanto si legge sulla pagina Twitter del partito Giustizia e Libertà, il braccio politico della Fratellanza
    da Paolo Gallori 13.23
  • Cinque voli vuoti da Bologna. All’imbarco del primo volo per Marsa
    Alam, questa mattina alle 7, non si è presentato nessuno: è il primo dei voli per l’Egitto che partiranno oggi da Bologna senza passeggeri. Nel pomeriggio altre quattro partenze si annunciano deserte. Sono invece previsti nel corso della giornata tre voli in arrivo dalle località egiziane sulla costa del Mar Rosso.
    da Paolo Gallori 13.23
  • Assediati parlano con la polizia
    da Paolo Gallori 13.16
  • Una donna abbandona la moschea scortata dalla polizia
    da Paolo Gallori 13.14
  • Sostenitori della Fratellanza si radunano in aiuto degli assediati. Centinaia di Fratelli musulmani si stanno radunando nei pressi delle moschee al Tawhid e al Nour al Cairo, a circa due chilometri da piazza Ramses. Annunciano di voler marciare verso la moschea al-Fatah per “liberare i nostri fratelli”.
    da Paolo Gallori 13.08
  • dall’interno della moschea: “Sentiamo le porte sospinte e le sedie (con cui si era cercato di bloccarle) cadere”From inside Al-fath: “We can here the doors being pushed and chairs (blocking the door) falling down” #Egypt
  • La polizia ha iniziato l’operazione di sgombero nella moschea al-Fatah, al Cairo: le immagini delle tv arabe mostrano gli agenti che hanno aperto la porta e tentano di abbattere il blocco frapposto all’ingresso.
    da Paolo Gallori 13.05
  • +++Iniziato sgombero della moschea+++
    da Paolo Gallori 13.05
  • Al-Azhar tenta mediazione. L’istituzione sunnita ha annunciato di avere aperto un canale di mediazione con il governo provvisorio egiziano per “garantire lo sgombero pacifico” della moschea di al-Fatah a piazza Ramses.
    da Paolo Gallori 12.56
  • Appello di al-Azhar agli assediati nella moschea: collaborate. Al-Azhar, la massima
    istituzione religiosa per i sunniti, ha chiesto agli islamici ancora asserragliati nella moschea al-Fath di collaborare con l’esercito. Lo ha riferito l’emittente al-Arabiya.
    da Paolo Gallori 12.55
  • dall’interno della moschea di al-Fatah: “Ce ne andremo tutti insieme”From inside Al-fath: “We have said we will all leave as one” #Egypt
  • L’ultimatum. La polizia “ci ha avvertito che prenderà d’assalto la moschea alle 13 se non usciremo prima”: lo afferma un comunicato dei pro-Morsi asserragliati da ieri sera nella moschea al-Fatah al Cairo.
    da Paolo Gallori 12.53
  • +++Ultimatum della polizia: sgombrare la moschea entro le 13+++
    da Paolo Gallori 12.53
  • “Tra le donne all’interno della moschea di al-Fatah c’è anche una componente dello staff di Al Jazeera. Minacciata che le sia fatto del male se catturata, per il suo reportage dall’interno della moschea”#Egypt One of the besieged women in Fath mosque is Aljazeera staffer. Threatened to be hurt if captured for reporting from Fath mosque
  • Ammar Badie, 38 anni, uno dei figli della guida suprema dei Fratelli Musulmani Mohamed Badie, è rimasto ucciso venerdì al Cairo durante le proteste. Lo afferma il partito “Libertà e Giustizia”, braccio politico della Fratellanza, sulla sua pagina Facebook. Ammar Badie, si spiega, è morto a seguito di una ferita da arma da fuoco riportata mentre manifestava in piazza Ramses.
    da Paolo Gallori 12.34
  • Fratellanza Musulmana su facebook: ucciso figlio della Guida Suprema Mohamed Badie
    da Paolo Gallori 12.25
  • da Paolo Gallori 12.22
  • Blindati dell’esercito, armati di mitragliatrici pesanti, e della polizia, carichi di agenti, si stanno dirigendo verso la zona di piazza Ramses al Cairo. Lo ha constatato l’inviato dell’Ansa sul posto. Nella moschea al-Fatah sono asserragliati sostenitori pro-Morsi: il movimento di mezzi potrebbe indicare l’imminenza dell’operazione di sgombero.
    da Paolo Gallori 12.17
  • +++Blindati verso piazza Ramses: sgombero moschea+++
    da Paolo Gallori 12.16
  • Meridiana: garantiti tutti i voli programmati. Meridiana sta garantendo tutti i voli
    schedulati da e per l’Egitto. Non c’è stata alcuna cancellazione in questi giorni dell’operativo, anzi la compagnia aerea è disponibile ad incrementare la propria offerta di voli se ce ne fosse bisogno. “Non è stato cancellato nessun operativo – spiegano dalla compagnia aerea – e stiamo garantendo tutti i voli da e per Marsa Alam, Sharm el Sheik e qualche volo spot anche dal Cairo. Ieri abbiamo garantito tutti i voli. Lo stesso è avvenuto oggi. In programma 5 voli di andata e ritorno su Marsa Alam, due su Verona, due su Bergamo e uno su Malpensa”.
    da Paolo Gallori 12.16
  • Alitalia: nessun volo per l’Egitto è stato sospeso. Alitalia non ha sospeso alcun volo per
    l’Egitto. Tutto l’operativo su Il Cairo è regolare, fanno sapere dalla compagnia aerea, sottolineando che ovviamente i voli sono più pieni al ritorno in Italia, ma ci sono passeggeri anche nei voli in partenza per l’Egitto.
    da Paolo Gallori 12.15
  • Il 27 agosto Bonino riferirà alle Commissioni Esteri di Camera e Senato. Il Presidente del Senato Pietro Grasso ha autorizzato la Commissione Esteri del Senato a riunirsi, congiuntamente all’omologa commissione della Camera, martedì 27 agosto alle ore 11, per un’audizione del Ministro degli esteri Bonino sui recenti sviluppi della crisi in Egitto.
    da Paolo Gallori 12.10
  • Due voli cancellati a Orio al Serio (Bergamo). Sono due i voli per Sharm El Sheik cancellati dalle compagnie turistiche all’aeroporto Orio al Serio di Bergamo. Un altro volo previsto nel pomeriggio, della Neos e diretto a Marsa Alam, partirà vuoto per riportare a casa i turisti. Questa mattina, secondo quanto si apprende, un volo della Meridiana è decollato per l’Egitto con soli 13 passeggeri a bordo. Gli arrivi, sempre da Marsa Alam e Sharm El Sheik, risultano invece regolari.
    da Paolo Gallori 12.08
  • Rinviata al 25 agosto udienza processo Mubarak: motivi di sicurezza. Il processo all’ex presidente egiziano Hosni Mubarak per complicità nella morte di manifestanti, è stato aggiornato per motivi di sicurezza al 25 agosto, nel corso di una breve udienza svoltasi oggi. L’ex presidente, 85 anni, e il suo ex ministro degli interni Habib el-Adli, non erano presenti nella gabbia degli imputati.
    da Paolo Gallori 12.04
  • Washington Post: l’accordo era vicino, saltato per colpa di al-Sissi. Due settimane prima che scoppiassero le violenze in Egitto, Stati Uniti e Ue gli aleati nei Paesi del Golfo erano sul punto di arrivare a un accordo tra i sostenitori di Morsi e l’esercito. L’intesa prevedeva lo sgombero dei sit-in al Cairo in cambio dell’impegno delle autorità a non ricorrere alla forza. E’ quanto riporta oggi il Washington Post, citando l’inviato Ue per l’Egitto, Bernardino Leon. L’accordo prevedeva anche l’avvio di un’inchiesta sulle reciproche accuse di violenze e maltrattamenti, che avrebbe poi aperto la strada a un negoziato tra il governo ad interim e la Fratellanza. Secondo il Wp, l’accordo era stato accettato dall’ex vicepresidente Mohammed el-Baradei, che però non sarebbe riuscito a convincere il generale Abdel Fattah al-Sissi, capo delle forze armate e ministro dell’Interno. el-Baradei si è dimesso mercoledì scorso, quando il governo ha lanciato l’operazione di sgombero dei sit-in.
    da Paolo Gallori 12.03
  • Fiumicino: oltre 700 quanti hanno dovuto rinunciare a partire. Sono oltre 700 i passeggeri all’aeroporto di Fiumicino che dovevano recarsi nelle località turistiche nel Mar Rosso e che sono stati costretti a rinunciare a causa della situazione in Egitto. Ieri la Farnesina ha sconsigliato i viaggi in tutto il Paese e uno dei maggiori tour operator specializzato in questo genere di viaggi ha deciso di sospendere per questo fine settimana tutti i voli per le destinazioni turistiche egiziane. Oggi erano previsti cinque collegamenti per Sharm El Sheikh, Marsa Alam, El Alamein, Marsa Matrouh, due dei quali già partiti vuoti e che tra stasera e domani riporteranno in Italia i nostri connazionali in vacanza nei resort sul Mar Rosso.
    da Paolo Gallori 11.59
  • Il Papa segue la situazione egiziana e prega. Il Santo Padre continua a seguire “con
    crescente preoccupazione le gravi notizie che giungono dall’Egitto e continua a pregare e auspicare che cessi la violenza e che le parti scelgano la via del dialogo e della riconciliazione”. Così padre Ciro Benedettini, vicedirettore della Sala Stampa Vaticana.
    da Paolo Gallori 11.45
  • Colpi di arma da fuoco risuonano davanti alla moschea al-Fatah, a piazza Ramses al Cairo, dove sono asserragliati di sostenitori pro Morsi. Lo ha constatato l’inviato dell’Ansa.
    da Paolo Gallori 11.25
  • +++Spari alla moschea di al-Fatah+++
    da Paolo Gallori 11.24
  • La polizia circonda la moschea assieme a una folla di oppositori di Morsi
    da Paolo Gallori 11.21
  • Ali Hafez, dall’interno della moschea: “Abbiamo paura di uscire, ci uccideranno, meglio che ci uccidano dentro la moschea che fuori”Flash: ali hafez from inside Fatih mosque: we r afraid to go out , they’l kill us, better they kill us inside mosque than outside” #Egypt
  • Aerei vuoti anche da Malpensa. Dopo il documento della Farnesina che invita i turisti italiani a non partire per l’Egitto, questa mattina dall’aeroporto di Malpensa quattro voli charter diretti a Sharm el-Sheikh sono partiti vuoti. Dei settecento turisti prenotati per i voli, in aeroporto – secondo quanto si è appreso – se ne sono presentati solo sessanta ai quali i tour operator hanno mostrato la lettera della Farnesina e hanno offerto due opzioni: il rimborso del biglietto o una meta alternativa. I quatto voli per Sharm el-Sheikh sono partiti ugualmente per andare a riprendere i turisti italiani che si trovano nella località del Mar Rosso.
    da Paolo Gallori 11.13
  • “Di ritorno dalla moschea di al-Fatah. All’esterno, una folla inferocita urla contro i dimostranti barricati”#egypt Am just back from outside Fateh mosque #cairo . Angry crowd outside baying at protesters holed-up inside. Police holding line for now
  • Donne e bambini escono dalla moschea. Le tv panarabe mostrano immagini di donne e bambini che escono dalla moschea al-Fatah del Cairo in cui sono asserragliati da oltre 12 ore alcune centinaia di militanti seguaci del deposto presidente Mohammed Morsi. La polizia continua la trattative per sgomberare l’edificio sacro, mentre sono stati portati fuori anche i cadaveri che da ieri erano stati radunati nella moschea dopo gli scontri sulla piazza Ramses.
    da Paolo Gallori 10.59
  • Anti-Morsi di Tamarod lanciano petizione: stop aiuti dagli Usa. Rifiutare gli aiuti
    provenienti dal governo Usa e annullare il trattato di pace con Israele. Sono i due obiettivi della nuova petizione on line lanciata da Tamarod, il movimento che con le sue manifestazioni di massa in Egitto ha portato a fine luglio alla destituzione dell’ex presidente Mohamed Morsi. L’iniziativa, il cui slogan è ‘Stop aiuto straniero’, è stata lanciata sul sito web dell’organizzazione, stando a quanto riporta il sito web di ‘Egypt Independent’. Nel documento Tamarod ha denunciato l’”eccessiva ingerenza degli Usa negli affari interni dell’Egitto e il loro sostegno ai gruppi terroristici”. Rifiutando gli aiuti di Washington e l’attuazione del trattato con Israele – ha sottolineato il movimento anti-Morsi – l’Egitto sarebbe di nuovo “libero di proteggere i suoi confini”. Tamarod ha quindi precisato che l’obiettivo di questa iniziativa è ripristinare “la completa sovranità” dell’Egitto e il suo “controllo” sulle questioni interne, mettendo fine ad “anni di umiliazioni e dipendenza dal punto di vista politico”.
    da Paolo Gallori 10.57
  • Nel pomeriggio conferenza stampa del presidente Mansour. Il presidente egiziano a interim, Adly Mansour, terrà alle 15 una conferenza stampa. Lo riferisce al Jazeera. La conferenza stampa, convocata per “spiegare la situazione” venutasi a determinare nel Paese arabo, dovrebbe essere aperta alla stampa straniera, che sia già accreditata o meno.
    da Paolo Gallori 10.52
  • Germania, Westerwelle: “proteggere i cristiani”. Il ministro degli Esteri tedesco, Guido westerwelle, ha lanciato un appello perché siano rafforzare le misure di sicurezza per i cristiani in Egitto. “La minoranza cristiana in Egitto deve essere protetta”, ha detto in un’intervista al settimanale Focus che uscirà domani. Westerwelle riceverà oggi a Berlino Khalid Bin Mohamed al-Attiyah, suo omologo dal Qatar, principale sostenitore della Fratellanza Musulmana. Interpellato sulle forniture di armi all’Egitto, Westerwelle ha precisato che “per quanto ci riguarda, la nostra politica di esportazione è già restrittiva (…) E rimarrà così, specialmente visti gli ultimi sviluppi”.
    da Paolo Gallori 10.46
  • In 700 restano nella moschea di al-Fatah. Sono circa 700 i manifestanti che rimangono all’interno della moschea di al-Fatah al Cairo, rifiutandosi di obbedire all’ordine della polizia di lasciare il posto. Lo hanno riferito alcuni testimoni all’emittente araba Al Jazeera. Dopo ore di negoziazioni, alcuni sostenitori del deposto presidente Morsi hanno deciso di lasciare la moschea, ma in centinaia ancora non vogliono uscire per paura di essere attaccati dalle forze di sicurezza.
    da Paolo Gallori 10.12
  • Amnesty: necessaria inchiesta indipendente su violenze. Amnesty International ha sollecitato un’inchiesta “approfondita e imparziale sulla violenza che, a partire dal 14 agosto, ha accompagnato lo sgombero dei sit-in di protesta al Cairo”. “Ci sono pochi dubbi, sulla base delle prime testimonianze e delle altre prove che abbiamo raccolto, che le forze di sicurezza abbiano agito con un profondo disprezzo per la vita umana. Per questo, c’è urgente bisogno di un’inchiesta approfondita, imparziale e indipendente”, ha dichiarato Philip Luther, direttore del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International. “Sebbene alcuni manifestanti abbiano usato violenza – ha proseguito Luther – la reazione delle forze di sicurezza è stata enormemente sproporzionata, come se non distinguesse tra manifestanti violenti e non violenti. Sono stati coinvolti nelle violenze persino dei passanti”.
    da Paolo Gallori 10.10
  • Fiumicino: in partenza aerei vuoti per rimpatrio italiani. Sono stati momentaneamente sospesi per questo fine settimana i voli in partenza all’aeroporto di Fiumicino diretti nelle località turistiche nel Mar Rosso: Sharm El Sheikh, Marsa Alam, El Alamain, Marsa Matrouh. Dopo la nota diramata ieri dalla Farnesina che ha sconsigliato i viaggi in tutto il Paese anche dallo scalo romano questa mattina non è partito nessun passeggero sui primi due voli diretti a Sharm El Sheikh e a Marsa Alam.Secondo quanto si è appreso gli aerei per queste ultime due destinazioni, così come gli altri tre voli programmati oggi per El Alamein, Sharm El Sheikh e Marsa Matrouh, decolleranno vuoti, per andare a riprendere i nostri connazionali che si trovano nelle località turistiche sul Mar Rosso.
    da Paolo Gallori 9.56
  • La moschea di al-Fatah circondata dalle forze dell’ordine#مصر
    #Egypt
    #Egypte
    Masjid Al Fath encerclé par les forces de l’ordre a l’intérieur pic.twitter.com/sngsqoMdSX
  • @ianjameslee : The situation in #Egypt this morning is relatively quiet. We are watching the ongoing siege of Al Fateh mosque.”
  • Merkel: “Egitto spaccato”. I problemi dell’Egitto “non si possono risolvere in nessun caso con la violenza”. Lo afferma Angela Merkel in un’intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, spiegando di essere “molto preoccupata per gli avvenimenti in Egitto, che ha una società profondamente spaccata politicamente”. E’ nostra convinzione”, aggiunge il cancelliere, che “l’Egitto può superare la crisi solo se si trova un modo per attuare un processo politico, aperto a tutte le forze politiche del Paese e che non esclude alcun partito”.
    E’ questo il messaggio che inviamo con forza”.
    da Paolo Gallori 9.35
  • Manifestanti nella moschea di al-Fatah. Sostenitori del deposto presidente Morsi, in gran parte donne, da ieri sono asserragliati nella moschea di al-Fatah in piazza Ramses al Cairo, teatro ieri dei nuovi scontri tra i manifestanti e le forze di polizia. Le televisioni hanno mostrato soldati egiziani entrare pacificamente nella moschea, per trattare la fine dell’assedio. I manifestanti avrebbero chiesto di non essere arrestati e di essere protetti dal linciaggio di civili a loro ostili che attendono fuori dalla moschea. Dentro l’edificio si troverebbero circa mille persone.
L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com