Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Ultime Notizie » Kerry: “Caso non pregiudichi libero scambio Usa-Ue”. Germania, “no” all’asilo per Snowden
Cerca la tua anima gemella
Kerry: “Caso non pregiudichi libero scambio Usa-Ue”. Germania, “no” all’asilo per Snowden

Kerry: “Caso non pregiudichi libero scambio Usa-Ue”. Germania, “no” all’asilo per Snowden

BERLINO - La Germania ha ribadito il suo “no” all’asilo politico per Edward Snowden, l’ex consulente della Nsa le cui rivelazioni e documenti hanno dato il via al datagate. “Non c’è ragione di concedere asilo a Snowden, non è un perseguitato politico”, ha detto il ministro degli interni, Hans-Peter Friedrich, a un giornale oggi.
In dichiarazioni al …

Review Overview

VideoTV4

Summary : Il segretario di Stato americano chiede che le trattative per l'accordo siano "separate" da "qualunque altro problema". Quasi a raccogliere l'invito, la Commissione Ue respinge la richiesta di Berlino di includere le negoziato sul libero scambio la protezione dei dati

0

BERLINO - La Germania ha ribadito il suo “no” all’asilo politico per Edward Snowden, l’ex consulente della Nsa le cui rivelazioni e documenti hanno dato il via al datagate. “Non c’è ragione di concedere asilo a Snowden, non è un perseguitato politico”, ha detto il ministro degli interni, Hans-Peter Friedrich, a un giornale oggi.

In dichiarazioni al quotidiano Muenchner Merkur, il ministro Friedrich (Csu) ha sottolineato che in ogni caso Snowden potrebbe chiedere asilo solo se si trovasse in Germania, e che già a giugno il governo se ne era occupato. “Allora sia il ministero degli Esteri che quello degli Interni erano giunti alla conclusione che non ci sono le premesse per accoglierlo”. Per questo, ha aggiunto, “non c’è motivo per il governo federale di occuparsi di nuovo del caso”.

Contro l’asilo si è pronunciato anche il ministro degli esteri, Guido Westerwelle, che ha evocato le gravi ripercussioni che ci sarebbero nelle relazioni con gli Usa. In dichiarazioni rese oggi al Deutschlandfunk, anche l’esperto dei servizi segreti della Spd, Thomas Oppermann, si è detto contrario l’asilo, e anche contro un viaggio di Snowden a Berlino per essere ascoltato. Sarebbe troppo rischioso, senza garanzie per la sua sicurezza, e ci si dovrebbe assicurare che non venga estradato negli Usa.

Da parte americana, invece, si registra l’invito del segretario di Stato John Kerry, che in visita a Varsavia ha auspicato che lo scandalo non inquini le trattative intavolate con l’Europa per un accordo sul libero scambio. Secondo Kerry, le trattative sono “realmente separate da qualunque altro problema si possa avere in mente”. “Si tratta di una partnership commerciale” che “può risollevare i nostri Paesi”, ha detto Kerry.

Quasi ha raccogliere in tempo reale l’invito di Kerry, la Commissione europea ha respinto la richiesta di Berlino di includere la questione della protezione dei dati nei negoziati tra Ue e Usa su un accordo per un’area di libero scambio sulle due sponde dell’Atlantico, sostenendo che potrebbe mettere a rischio le trattative e anche indebolire il diritto alla privacy degli europei.

“L’opinione della Commissione e la posizione assunta da tutti i leader al recente Consiglio europeo è chiara – ha detto al Financial Times il commissario Ue per la Giustizia, Viviane Reding – non mischiamo la questione dello spionaggio con i negoziati commerciali in corso. Includere la protezione dei dati nelle trattative sul libero scambio è come aprire il vaso di pandora. L’Ue non è pronta a rivedere al ribasso i propri standard. Per questo motivo i negoziatri per un accordo sul libero scambio non riguarderanno gli standard della privacy”.

Il Financial Times ha infatti ricordato che Europa e Stati Uniti hanno approcci e norme molto diverse a tutela dei dati, più stringenti nel vecchio continente, che reputa la privacy un valore fondamentale. Il prossimo round di negoziati tra Ue e Usa si terrà a Bruxelles dall’11 al 15 novembre.

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com