Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Scienze » La task force di superscienziati che fermerà la fine del mondo
Cerca la tua anima gemella
La task force di superscienziati che fermerà la fine del mondo

La task force di superscienziati che fermerà la fine del mondo

CI SIAMO talmente abituati a vederlo minacciato da un’apocalisse al cinema, che si tratti di disastri climatici, asteroidi giganti o alieni mostruosi, che quasi non ci pare uno scenario possibile. Invece la fine del mondo è un’ipotesi reale, al punto che ora hanno deciso di occuparsene alcuni dei più eminenti scienziati del pianeta: per indicarci …

Review Overview

di ENRICO FRANCESCHINI

Summary : Tra gli studiosi mobilitati anche Hawking. Dai virus letali all'atomica, dagli asteroidi agli attacchi cibernetici: ecco i pericoli

0

CI SIAMO talmente abituati a vederlo minacciato da un’apocalisse al cinema, che si tratti di disastri climatici, asteroidi giganti o alieni mostruosi, che quasi non ci pare uno scenario possibile. Invece la fine del mondo è un’ipotesi reale, al punto che ora hanno deciso di occuparsene alcuni dei più eminenti scienziati del pianeta: per indicarci appunto come potrebbe terminare l’esistenza dell’uomo sulla Terra, ma anche il modo per cercare di scongiurarla.

Riuniti in un’associazione che suona come il titolo di un romanzo di fantascienza, il Cambridge Centre for the Study of Existential Risk, l’astrofisico Stephen Hawking, l’astronomo Martin Rees, il filosofo Huw Price e altri brillanti studiosi e accademici hanno compilato una lista dei pericoli che potrebbero distruggere il globo, o perlomeno i suoi abitanti, proponendosi di fornire le soluzioni per evitarli

Si comincia con l’intelligenza artificiale, una tecnologia così sofisticata da prendere il controllo del mondo e poi decidere di sterminare gli umani (qualcosa che già Stanley Kubrick aveva immaginato nel suo film “2001 Odissea nello spazio”, ma in scala molto maggiore), scenario non più esagerato da quando gli algoritmi decidono milioni di transazioni finanziarie al secondo.

Poi ci sono gli attacchi cibernetici, un’ondata di attentati terroristici digitali in grado di mandare in tilt assolutamente tutto, energia e comunicazioni, trasporti e computer. Quindi viene citato il rischio di un’infezione di massa lanciata attraverso le armi batteriologiche, una peste in laboratorio a cui un folle nichilista, un dittatore sanguinario o una guerra civile potrebbero dare il via. E, in alternativa, la possibilità di una pandemia, un virus che nessun vaccino possa curare.

Altre minacce per l’umanità: un sabotaggio della catena alimentare; estreme condizioni atmosferiche provocate dal cambiamento climatico, e dunque inondazioni, uragani, terremoti; uno o più asteroidi che colpiscono la terra; per finire con la buona, vecchia guerra termonucleare, o chimica, o anche convenzionale, se combattuta con l’intensità giusta.

“Viviamo in un mondo sempre più interconnesso, sempre più tecnologicizzato e sempre più dipendente dal web”, afferma lord Rees, ex-presidente della Royal Society e uno dei promotori dell’iniziativa. “A noi occidentali può apparire un mondo più sicuro di quanto sia mai stato in passato, ma invece è più vulnerabile di come sembra. E poiché i leader politici sono concentrati sui problemi a breve termine, occorre che qualcuno suggerisca all’opinione pubblica internazionale quali sono i pericoli più realistici e con quali mezzi si potrebbero contrastare”.

Gli scienziati del gruppo di Cambridge non sono delle Cassandre: rimangono ottimisti, nonostante tutto, convinti che l’uomo abbia le risorse per sopravvivere e affrontare qualunque minaccia. Ma al tempo stesso ammoniscono che i rischi più gravi, per il nostro pianeta, oggi non provengono dal cosmo o dalla natura, bensì sono fabbricati dall’uomo stesso. “La fine del mondo non è una trama da cinema”, avverte l’astronomo Rees. E il lieto fine, a differenza dal cinema, non è garantito: dipende dagli spettatori. Da noi tutti.

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com