Ultime Notizie
Ti trovi qui: Home » Ultime Notizie » Perché gli Stati Uniti sono n ° 1 Fucilazioni di massa
Cerca la tua anima gemella
Perché gli Stati Uniti sono n ° 1 Fucilazioni di massa

Perché gli Stati Uniti sono n ° 1 Fucilazioni di massa

Gli Stati Uniti sono, di gran lunga, il leader globale nella fucilazioni di massa, sostenendo solo il 5% della popolazione mondiale, ma una quota fuori misura – il 31% – dei tiratori di massa di tutto il mondo dal 1966, un nuovo studio trova i riscontri.

Le Filippine, Russia, lo Yemen e la Francia – tutti i paesi che possono vantare una quota sostanziale dei 291 fucilazioni di massa documentati tra il 1966 e il 2012 – collettivamente, non  sono neanche lontanamente vicino agli Stati Uniti D’America.

E ciò che rende gli Stati Uniti una incubatrice così il terreno fertile per i tiratori di massa? Un’analisi completa degli autori, le loro motivazioni e contesti nazionali per le loro azioni suggeriscono che diversi fattori hanno contribuito a creare negli Stati Uniti un mezzo potente per la promozione di omicidio su larga scala.

Questi fattori includono una lacuna cronica e diffusa tra americani aspettative per se stessi e la loro realizzazione effettiva, americani adulazione della fama, e il grado di possesso di armi negli Stati Uniti a larga scala.

Impostare quelle caratteristiche contro una circostanza con le parti degli Stati Uniti con molti altri paesi – in un contesto di malattia mentale mal gestito.

Con tali conclusioni, University of Alabama criminologo Adam Lankford deciso di illuminare il lato più oscuro di “eccezionalismo” americano – l’idea che le dimensioni, la diversità, le istituzioni e le tradizioni politiche ed economiche degli Stati Uniti ‘ci contraddistingue nel mondo. Carta di Lankford è tra coloro che vengono presentati questa settimana al American Sociological Association. S ‘incontro annuale, a Chicago.

 

Forse nessun singolo fattore imposta negli Stati Uniti a parte così nettamente come fa il possesso di armi, ha scritto Lankford. Di 178 paesi inclusi nell’analisi di Lankford, che gli Stati Uniti sono al primo posto nel pro-capite possesso di armi. Un sondaggio del 2007 ha trovato 270 milioni di armi da fuoco in famiglie americane civili – un tasso di proprietà delle armi da fuoco 88,8 su 100 persone. Yemen segue, con le armi da fuoco 54.8 per 100 persone.

In tutto il mondo, i tassi di omicidi e suicidi dei paesi non avevano alcuna chiara relazione alla loro probabilità di fucilazioni di massa nell’analisi di Lankford. In diversi paesi con altissimi tassi di omicidio – Messico, Venezuela e Nigeria, per esempio – fucilazioni di massa sono stati estremamente rari.

Ma l’associazione tra i tassi di proprietà di arma da fuoco nazionali e il numero di tiratori di massa per paese ha mostrato significatività statistica chiaro, ha trovato. Dietro posto degli Stati Uniti ‘, la Finlandia e la Svizzera al terzo posto e quarto, rispettivamente, in pro-capite possesso di armi. Mentre entrambi i paesi godono di una reputazione vantata come luoghi sicuri per vivere, sia (con n ° 2 e n ° 5 Yemen Serbia) classificato tra i primi 15 paesi a livello internazionale per i tiratori di massa pro capite.

“Cultura delle armi,” America ha scritto Lankford, è profondamente radicata l’idea che ampia pistola proprietà è un baluardo contro l’emergere di tirannia. E quelle radici continuano a mentire vicino alla superficie, ha scritto: Un sondaggio nazionale condotto nel 2013 ha rilevato che il 65% degli americani crede che lo scopo del loro diritto di portare armi resta “per fare in modo che le persone sono in grado di proteggersi dalla tirannia . ”

Ma l’idea americana che i diritti individuali devono essere protetti contro i poteri dello Stato ha un costo. ”A causa del suo tasso di proprietà arma leader a livello mondiale, l’America non si distaccano – e ciò appare collegato alla sua alta percentuale di fucilazioni di massa”, ha scritto Lankford.

Sparatutto di massa americane erano anche 3,6 volte più probabilità di armarsi con armi multiple di quanto lo fossero coloro che hanno perpetrato crimini simili altrove, Lankford trovato. La sua analisi ha rilevato che più armi utilizzate in una fucilazione di massa tradotti in più persone uccise.(Curiosamente, però, tiratori di massa americani che hanno effettuato attacchi con armi multiple tendeva a rivendicare un minor numero di vite che ha fatto tiratori armati altrove che hanno fatto così.)

Allo stesso tempo, fucilazioni di massa che hanno avuto luogo negli spazi commerciali o scuole erano molto più probabile che siano stati effettuati da tiratori americani che da quelli altrove, la nuova ricerca ha scoperto.

Molteplici studi hanno esplorato i motivi di tiratori di massa, e in queste misure, anche, Lankford suggerisce che le nozioni in modo univoco americani sono fortemente al lavoro.

Egli cita dati dell’indagine mostrano che i giovani americani continuano ad abbracciare il “sogno americano” di impennata successo finanziario ed educativo, di fare meglio di quanto i genitori. Quando tali sogni sono frustrati, questa credenza roccia in mobilità verso l’alto predispone alcuni – in particolare quelli con una stretta tenue sulla salute mentale – a psicologico “sforzo”. In rari casi, dura prova aiuta a forgiare tiratori di massa, ha scritto.

Potente come l’unità per il successo materiale è una nuova sogno americano – un desiderio di fama, ha scritto Lankford. Con questa preoccupazione americana, anche, suggerisce, sacrificati frustrati possono essere nudged verso la violenza di massa.

“Sempre più spesso in America – forse più che in qualsiasi altro paese del mondo – la fama è venerato come fine a se stesso”, ha scritto Lankford. ”Alcuni tiratori massa soccombono ai deliri di grandezza terribili e cercano fama e gloria attraverso l’uccisione.”

Eric Harris e Dylan Klebold, gli autori delle sparatorie aprile 1999 alle Columbine High School, sia illustrare e mangimi tali illusioni, ha scritto Lankford: Entrambi cercavano fama e hanno guadagnato infamia con le loro azioni, e il loro esempio è stato citato come ispirazione dai tiratori della scuola dal momento che, in Germania, Argentina, Finlandia e Canada.

L’InfoPOINT SARDEGNA e l’InfoPOINT ARBATAX-TORTOLI’

About Marius_SEO

Scroll To Top
Contattaci

Hey, non siamo in giro, ma ci possiamo inviare un messaggio

Powered by WP Robot

shared on wplocker.com