12.8 C
Fano
mercoledì, Marzo 3, 2021
Le Notizie di Mezzogiorno
Home Altro Un'antica mappa dell'America, pubblicata nel 1500, raffigura una sirena che regge un...

Un’antica mappa dell’America, pubblicata nel 1500, raffigura una sirena che regge un … UFO?

Oltre a rappresentare draghi e cannibali giganti, l’angolo in basso a sinistra della mappa, vicino a “Tierra del Fuego”, un arcipelago al largo della punta più meridionale della terraferma sudamericana, attraverso lo stretto di Magellano, illustra quella che sembra essere una sirena un oggetto che assomiglia stranamente a un disco volante. A cura di Mezzogiorno News

Americae Sive Quartae Orbis Partis Nova Et Exactissima Descriptio è una mappa fatta da Diego Gutiérrez e Hieronymus Cock, pubblicata nel 1562 ad Anversa.

La mappa: una nuova e più esatta descrizione dell’America o della quarta parte del mondo, comprende la costa orientale del Nord America, l’intera America centrale e meridionale e parti delle coste occidentali dell’Europa e dell’Africa.

Questa mappa estremamente dettagliata del continente americano è composta da sei fogli incisi ben uniti. Misura uno sbalorditivo 93 × 86 centimetri, motivo per cui è rimasta la più grande mappa dell’America per un secolo. È la più grande mappa spagnola stampata d’America prima della metà del XVIII secolo.

Esistono due copie esistenti della mappa, una nella Library of Congress (Washington, DC) e l’altra nella British Library (London).

Era una mappa ufficiale, riconosciuta da Filippo II, re di Spagna e dalla sua sorellastra Margarita de Parma, reggente dei Paesi Bassi.

Rappresenta il dominio spagnolo nel nuovo mondo, definendo i limiti della sfera di autorità della Spagna e riconoscendo la presenza francese e portoghese nel continente.

In questo senso, ci sono tre stemmi rappresentati sulla mappa.

Nella parte in basso a destra della mappa, nell’Oceano Atlantico, gli autori hanno posizionato lo stemma della corona del Portogallo. Gli autori hanno collocato due stemmi nel Nord America; quello a sinistra appartenente all’impero spagnolo e quello a destra appartenente alla corona francese.

Sebbene non appaia una scala di latitudine, l’equatore e i tropici del cancro e del capricorno sono chiaramente visibili e le misurazioni tra queste latitudini fisse possono aiutare a determinare le distanze dell’intera mappa.

La mappa offre una ricca visione illustrata dell’America piena di nomi e immagini che erano diventati popolari in Europa dopo la Scoperta.

Disegni di pappagalli, scimmie, sirene, mostri marini, cannibali, patagoni giganti e un vulcano in eruzione in Messico, completano i numerosi insediamenti, fiumi, montagne e promontori.

La mappa riconosce correttamente la presenza dei bacini fluviali dell’Amazzonia e del Paraná, il lago Titicaca, la posizione di Potosí, Città del Messico, Florida e diversi punti lungo la costa.

Tuttavia, oltre alla sua importanza e alla sua storia estremamente ricca, questa antica mappa illustra alcune cose peculiari.

I giganti della Patagonia

I patagoni o giganti della Patagonia sono un popolo mitico di giganti che è apparso nei primi rapporti europei sulla costa della regione della Patagonia nella zona meridionale del Sud America.

Si ipotizza che l’origine della leggenda si baserebbe sulle tribù Tehuelche che abitavano la zona.

La prima menzione di questo popolo mitico è la storia del viaggio di Fernando de Magallanes nel mondo.

In questo testo, si sosteneva di averli visti sulla costa meridionale del Sud America sulla strada per lo stretto, nell’anno 1520.

I giganti di Patagonia

Antonio Pigafetta, uno dei pochi sopravvissuti alla spedizione e cronista della spedizione, scrisse quanto segue sui presunti giganti:

“Lasciando quel posto, abbiamo finalmente raggiunto i 49 gradi e mezzo verso il Polo Antartico. Dato che era inverno, le navi entrarono in un porto sicuro per l’inverno. Trascorremmo due mesi in quel luogo senza vedere nessuno. Un giorno improvvisamente vedemmo un uomo nudo di statura gigantesca sulla riva del porto, ballare, cantare e gettar polvere sulla testa. Il capitano generale mandò uno dei nostri uomini dal gigante in modo che potesse compiere le stesse azioni come un segno di pace. Fatto ciò, l’uomo condusse il gigante in un’isoletta alla presenza del capitano generale. Quando il gigante era al comando del capitano generale e della nostra presenza, si meravigliò moltissimo e fece segni con un dito alzato verso l’alto, credendo che fossimo venuti dal cielo “.

Era così alto che abbiamo raggiunto solo la sua vita, ed era ben proporzionato. La sua faccia era grande e dipinta di rosso dappertutto, mentre intorno ai suoi occhi era dipinto di giallo; e aveva due cuori dipinti al centro delle sue guance. I suoi capelli scarsi erano dipinti di bianco.

Era vestito con le pelli di animali abilmente cuciti insieme. Quell’animale ha una testa e orecchie grandi come quelle di un mulo, un collo e un corpo simili a quelli di un cammello, le zampe di un cervo e la coda di un cavallo, come quella che circonda, e quella terra ha moltissime loro.

I suoi piedi erano calzati con lo stesso tipo di pelli che gli coprivano i piedi come una scarpa. Nella sua mano portava un arco corto e pesante, con una corda un po ‘più spessa di quelle del liuto, e ricavato dall’intestino dello stesso animale, e un fascio di frecce di canna piuttosto corte piumate come la nostra, e con punte di bianco e pietre di selce nere alla maniera delle frecce turche, invece del ferro. Questi punti sono stati modellati per mezzo di un’altra pietra. ”- (Diario di Pigafetta, pp. 51-52).

Terra di sirene e i dischi volanti?

Oltre a rappresentare draghi e cannibali giganti, l’angolo in basso a sinistra della mappa, vicino a “Tierra del Fuego”, un arcipelago al largo della punta più meridionale della terraferma sudamericana, attraverso lo stretto di Magellano, illustra quella che sembra essere una sirena un oggetto che assomiglia stranamente a un disco volante.

La sirena che affronta una nave che viaggia verso la costa del Cile moderno tiene nella sua mano destra un oggetto che assomiglia stranamente a un oggetto a forma di disco, con una cupola chiara che sporge dal centro.

Sembra come apparirebbe oggi un UFO, noto anche come disco volante.

Ma è tutto come sembra? È davvero un disco volante?

Uno strano oggetto a forma di disco, con una sorta di cupola, è tenuto da una sirena in mezzo all’oceano.

Mentre di solito, gli specchi non assomigliano a questo – somigliante a un disco volante – è del tutto possibile che stia trattenendo un oggetto che è stato astrattamente illustrato come uno specchio o è una sorta di oggetto che rientrerebbe in quella categoria. La strana somiglianza con un disco volante è molto probabilmente proprio questa, una somiglianza che le persone come me, nel 21 ° secolo, quando vedono tali elementi incorporati nelle carte create centinaia di anni fa.

Come abbiamo notato prima, i creatori dell’antica mappa hanno deciso di incorporare una miscela di luoghi e oggetti reali con elementi mitologici come giganti, sirene, draghi e serpenti marini affamati.

Qualunque sia l’oggetto detenuto dalla sirena, rimane un mistero, tuttavia, è davvero interessante vedere elementi come quello in un’antica mappa del continente americano, poiché mostra chiaramente ciò che la gente immaginava all’America più di 500 anni fa.

Qual è secondo te l’oggetto che la sirena tiene in realtà? Sei d’accordo che sia uno specchio dalla forma strana?

La Redazione di Mezzogiorno Newshttps://mezzogiorno.altervista.org
Mezzogiorno News è un quotidiano internazionale italiano inglese fondato nel 2012 da Christian Lukic, e da lui nuovamente diretto dal 24 marzo 2019.

Ultimo Letto