Argentina sempre più nel baratro: è emergenza alimentare | VIDEO

0
733

Nel paese sudamericano, che ha un debito di oltre 57 miliardi con l’Fmi, è stata dichiarata l’emergenza alimentare. La crisi non è una novità, come vi abbiamo documentato nel 2006 con Cizco, che ha incontrato i “basureros”, intere famiglie povere che vivevano solo di ciò che riuscivano a trovare nelle discariche

In Argentina sarà emergenza alimentare fino al 2022. Lo ha dichiarato il Senato del paese sudamericano, che adesso dovrà aumentare del 50% i programmi di sostentamento alla popolazione.

L’Argentina, che solo con il Fondo monetario internazionale ha un debito di 57 miliardi di dollari, qualche giorno fa aveva limitato la possibilità dei correntisti di trasferire denaro dalle banche nazionali verso l’estero. Adesso arriva questa nuova emergenza alimentare, in una terra in cui 34 persone su 100 sono senza lavoro e l’economia si è contratta in un anno del 5,8%.

In soli 4 anni, dal 2014 al 2018, gli argentini che fanno al massimo un pasto al giorno sono passati da 2,5 a 5 milioni.

Un dramma che però per il paese, tradizionalmente legato all’Italia, purtroppo non è una novità, come testimonia questo servizio di Cizco del 2006 che potete rivedere sopra.

È un viaggio alla scoperta dei “basureros”, i poveri delle periferie disagiate del Paese costretti a vivere letteralmente di spazzatura. Uomini donne e bambini che si alzano al mattino alle 5, come racconta a Cizco un 65enne che vive in una baraccopoli di una zona degradata di Buenos Aires. “Tutto quello che ho in casa, dalla televisione al frigorifero, l’ho trovata in discarica”,  spiega l’uomo. “Da 25 anni raccolgo bottiglie, cartoni, e tutto quello che trovo. Faccio almeno 10 chilometri di strada al giorno e guadagno 3-4 euro per una giornata, se va bene.  Non mi vergogno di questo lavoro, ne sono orgoglioso: mi permette di vivere”.

La Iena documenta poi come all’ingresso delle discariche decine e decine di argentini, bambini compresi, tentino di assaltare i camion che portano dentro la spazzatura. “Prendono di tutto, che povertà”, commenta amareggiato un poliziotto, non sapendo di essere ripreso.  

Quella è un’area in cui, tra l’altro,  verrebbero scaricati anche rifiuti tossici illegali, e nonostante ciò popolata di intere famiglie “a caccia” di immondizia. “Cerchiamo tutto quello che si può rivendere”, spiega a Cizco la giovane Janine. “E anche salsiccia, formaggio, eccetera. Sì è vero, a volte c’è violenza qui”. “Se sono felice?” interviene il suo compagno Carlos, “mi manca molto per essere felice”.

Sempre Cizco, in un altro servizio che vedete qui sotto, “incontra l’ex capitano argentino dell’Inter Xavier Zanetti, che con la sua fondazione Pupi aiuta i bambini poveri di quelle baraccopoli, da cui lui stesso proviene.

Guarda qui sotto il servizio di Cizco con il capitano Xavier Zanetti