17.4 C
Fano
venerdì, Ottobre 23, 2020
Le Notizie di Mezzogiorno
Home Altro Scoperto a 800 anni luce dalla Terra un pianeta gigante roccioso che...

Scoperto a 800 anni luce dalla Terra un pianeta gigante roccioso che non dovrebbe esistere, eppure c’è

Di MMezzogiorno

Un cuore caldo e un corpo freddo, anzi roccioso, se poi aggiungiamo che ha una massa 40 volte più grande del nostro pianeta, allora c’è qualcosa che non torna. Almeno secondo  le nostre attuali conoscenze.
Il mostro ha un nome degno della sua particolarità: TOI-849b ed è distante quasi 800 anni luce dalla Terra.
Nel nostro Sistema Solare “corpi” di queste dimensioni sono lontani dalla stella intorno alla quale orbitano, hanno tutt’altro aspetto e sono gassosi. Vedi i “nostri” giganti Giove, Saturno, Urano e Nettuno.
E allora perchè questo singolare mostro che orbita intorno a una stella simile al nostro Sole, che ha una dimensione di poco inferiore a Nettuno, ha questo particolare e singolare aspetto? In un lontanissimo futuro diventeranno così anche i nostri quattro  giganti gassosi?

Un cuore caldo e un corpo freddo, anzi roccioso, se poi aggiungiamo che ha una massa 40 volte più grande del nostro pianeta, allora c’è qualcosa che non torna. Almeno secondo  le nostre attuali conoscenze.
Il mostro ha un nome degno della sua particolarità: TOI-849b ed è distante quasi 800 anni luce dalla Terra.
Nel nostro Sistema Solare “corpi” di queste dimensioni sono lontani dalla stella intorno alla quale orbitano, hanno tutt’altro aspetto e sono gassosi. Vedi i “nostri” giganti Giove, Saturno, Urano e Nettuno.
E allora perchè questo singolare mostro che orbita intorno a una stella simile al nostro Sole, che ha una dimensione di poco inferiore a Nettuno, ha questo particolare e singolare aspetto? In un lontanissimo futuro diventeranno così anche i nostri quattro  giganti gassosi?

LE DOMANDE
Potrebbe essere il nucleo rimasto di un gigantesco pianeta gassoso?  Per ora il mistero è fitto, ma a spiegare lil perchè della sua esistenza ci ha provato un team di ricercatori guidato da David J.Armstrong dell’Università di Warwick in Gran Bretagna. Il team internazionale, composto da ben 120 scienziati, ha firmato lo studio che è stato pubblicato lo scorso 23 marzo.  
Secondo gli studiosi «Anche l”interno dei pianeti giganti del nostro Sistema solare rimane poco conosciuto. Le difficoltà di osservazione portano a grandi incertezze nelle proprietà. Ecco perché gli esopianeti che hanno vissuto strani percorsi evolutivi possono fornirci una nuova strada per comprendere i loro nuclei».

LE IPOTESI
Per adesso le ipotesi che più di altre si fanno strada sono essenzialmente due: la prima è che la parte gassosa di  TOI-849b sia stata letteralmente strappata via dalla vicina stella intorno alla quale orbita, mentre la seconda riguarda uno scontro titanico tra due pianeti giganti. Il tremendo urto tra i due avrebbe appunto “tirato” via tutta la parte gassosa del pianeta lasciandolo nella sua nudità rocciosa. I ricercatori, però, azzardano anche l’ipotesi dell’evoluzione temporale del suo disco protoplanetario. Certo è che queste stranezze osservate in un oggetto così distante da noi potrebbero chiarire la composizione e la stessa evoluzione dei nuclei rocciosi dei quattro pianeti giganti gassosi del nostro Sistema Solare.

LA SCOPERTA
TOI-849b è stato scoperto dal gruppo di astronomi coordinato da David J.Armstrong attraverso Tess (Transit Exoplanet Study Satellite), il telescopio spaziale della Nasa lanciato  nell’aprile 2018. Oltre agli esopianeti, in poco più di due mesi, Tess ha anche osservato eventi come supernove in galassie lontane che sono state in seguito osservate da telescopi a terra.


(Il telescopio spaziale Tess durante la sua realizzazione a terra)

IL COORDINATORE DEL TEAM
«In effetti, fino ad ora -è stato il commento di Armstrong-, non abbiamo mai visto pianeti di quella densità di queste dimensioni. Un mondo roccioso così enorme dovrebbe aver costruito una spessa e densa atmosfera intorno ad esso, diventando un gigante gassoso simile a Giove. Ad ogni modo -conclude- l’unica cosa chiara è che questo pianeta non ha seguito i normali modelli di evoluzione planetaria. E’ strano non solo in confronto ai pianeti del nostro Sistema Solare, ma anche agli altri 4.000 e più esopianeti che abbiamo scoperto».
Fino a quando gli scienziati non ne capiranno di più, sembra proprio che TOI-849b sia la mosca bianca dei pianeti

La Redazione di Mezzogiorno Newshttps://mezzogiorno.altervista.org
Mezzogiorno News è un quotidiano internazionale italiano inglese fondato nel 2012 da Christian Lukic, e da lui nuovamente diretto dal 24 marzo 2019.

Ultimo Letto

Conto corrente. Arriva il blocco totale senza preavviso

conto pignorato, PUBBLICATO: 23 ottobre 13:27 Tempo stimato di lettura: 10 minuti di Riccardo Valle su Mezzogiorno News Agenzia delle Entrate Conto corrente Il blocco totale del conto corrente pignorato...

Notizie, foto, video di Scienza, Animali, Ambiente e Tecnologia

Storia dell'automobile: la Mobil Economy Run La Mobil Economy Run era una gara...

Che cos’è CFBDSIR 2149-0403? – Focus.it

CFBDSIR 2149-0403 è un corpo celeste molto strano. Scoperto nel 2012, non è un pianeta, almeno non in base alla nostra definizione di pianeta;...

Umani sulla Terra da milioni di anni? Antichi artefatti che non dovrebbero esistere – Ufo e Alieni

Artefatti misteriosi: Gli uomini sono sulla Terra da milioni di anni? La nostra storia è “finta”? Numerosi ricercatori credono fermamente che civiltà umane avanzate siano state...

Scimmie si intrufolano in un laboratorio e rubano campioni di sangue “potenzialmente infetto da Covid-19”: “Ora c’è il rischio che diffondano il virus” –...

Secondo le prime ricostruzioni, durante l'attacco una scimmia ha rotto un campione mentre parti di alcuni kit sono state viste anche nel terreno sotto...