Story Musgrave ha condotto una vita leggendaria. È l’unico astronauta che ha volato a bordo di tutte e cinque le navette spaziali: Endeavour, Discovery, Atlantis, Challenger e Columbia, le ultime due delle quali hanno avuto incidenti che hanno distrutto il veicolo spaziale dopo che era volato su di esse. Musgrave è stato anche nello spazio sei volte separate, proprio sotto il record di sette detenute da Franklin Chang-Diaz e Jerry Ross. Oltre alla carriera di Musgrave come astronauta, ha lavorato come chirurgo traumatologico e attualmente possiede una fattoria di palme. Trent’anni fa, ha fatto la storia aiutando a riparare il fragile telescopio Hubble. Forbes ha pensato che sarebbe stato interessante parlare con Musgrave ora, visto l’importante anniversario di Hubble alla fine di questa settimana. In un’intervista telefonica di un’ora, ha discusso di molte cose nello spazio, incluso l’argomento degli UFO. Di seguito sono estratti estratti da una chat animata.

Kepler-186f (noto anche con il suo oggetto Kepler di [-]La designazione di interesse KOI-571.05) è un esopianeta in orbita attorno alla nana rossa Kepler-186, a circa 560 anni luce (171 parsecs, o quasi 5.298_1015 km) dalla Terra. È il primo pianeta con un raggio simile a quello della Terra da scoprire nella zona abitabile di un’altra stella. 2014
GRUPPO DI IMMAGINI UNIVERSALI TRAMITE IMMAGINI GETTYIMAGES

Jim Clash: Qual è la tua opinione sull’argomento della vita extraterrestre nell’universo?

Story Musgrave: Ce ne sono milioni, se non miliardi, là fuori. Pensiamo di essere il centro dell’universo, l’unico che esiste, che l’intero universo ruota attorno alla Terra. Ma stanno arrivando con così tanti nuovi pianeti ora. Ci sono da 10 a 29 stelle, un numero che riesco a malapena a avvolgere le dita e la maggior parte di loro ha pianeti. Un pianeta può trovarsi in un luogo che è amico della vita biologica. Le statistiche dicono che ci sono miliardi e miliardi di pianeti che hanno vita biologica. Se si sono comportati bene e si sono messi insieme, si sono presi cura di se stessi, ci sono milioni di anni in cui queste persone si sono evolute, per aver sviluppato una tecnologia che porterebbe al viaggio delle stelle. Sono al di fuori dei propri sistemi solari, forse anche al di fuori delle proprie galassie. Ma qui sulla Terra, la tecnologia è iniziata probabilmente solo 300 o 400 anni fa, con la Rivoluzione industriale

Dr. Story Musgrave parla alla città di Connecticut della
Università Statale.

Scontro: qualcuno di questi extraterrestri ha visitato la Terra sotto forma di, diciamo, UFO?

Musgrave: li cerco e, dannazione, voglio che ciò accada. Mando preghiere là fuori affinché vengano e mi prendano. Ci provo, doggone. Forse se stanno ascoltando, riceveranno questi messaggi. Innanzitutto, devi riconoscere che sono lì. Se giri le spalle, non verranno. Per quanto riguarda gli UFO, è un satellite o un oggetto da qualche altra parte con un essere biologico? Nessuno di questi ultimi passa il mio filtro. Il mio filtro non è poi così difficile, ma è abbastanza forte. Sono stato alla caffettiera, l’unico astronauta che è rimasto per oltre 30 anni ascoltando le storie di tutti, quindi ho i dati. E non ci sono abbastanza prove in quei dati. Inoltre, e non sono un cinico, ma perché dovresti venire sulla Terra? Ci sono posti più promettenti. Se guardi il numero di guerre in corso, la storia dell’umanità e il suo rapporto con se stesso, con l’unica casa che avrà mai, non c’è nulla da imparare qui, non ancora.

Scontro: di cosa hai paura e come gestisci la paura?

Musgrave: ero sempre incredibilmente spaventato dallo Shuttle. Ho aiutato a costruirlo, capito. È una macchina molto difficile, così difficile da usare. Devi essere perfetto tutto il tempo. È una farfalla imbullonata su un proiettile. Non mi piaceva quella quantità di rischio. Come l’ho gestito? L’ho intellettualizzata, sapendo di aver preso la decisione in anticipo.

Musgrave: Purtroppo è peggio di così. Aggiungete le mie sei missioni ed era più rischioso di quanto volessi prendere [9%]. Ma era il mio unico modo per arrivare allo spazio.

Ottieni il meglio da Jim Clash
Seguimi su Twitter o LinkedIn.

Jim Clash Forbes author

I write about extreme adventure and those who do it. I’ve bobsledded with the Olympic team; piloted a super-boat at 140 mph; flown to 84,000 feet at Mach 2.6 in a MiG; skied to the South Pole and swam (sans wetsuit) at the North Pole; climbed the Matterhorn; driven the Bugatti Veyron at 253 mph; taken a .38 shot wearing a bulletproof fashion jacket (it hurt); gone bull-fighting (hurt more – three broken ribs); figure-skated with Olympian Sasha Cohen (hurt most – concussion). I’ve also purchased a ticket to fly to space with Virgin Galactic. You get the idea: I like to push limits and inspire others to do the same. I’ve written for Forbes, Departures, Black Ink, Bloomberg Businessweek, AskMen, Huffington Post, New York Times, Automobile, Popular Mechanics, among others. My books include “Forbes To The Limits” and “The Right Stuff: Interviews With Icons Of The 1960s.”