This aerial view shows the damage at the Arecibo Observatory after one of the main cables holding the receiver broke in Arecibo, Puerto Rico, on December 1, 2020.

Questa vista aerea mostra il danno al Osservatorio di Arecibo dopo che uno dei cavi principali che reggono il ricevitore si è rotto ad Arecibo, Porto Rico, il 1 ° dicembre 2020.

(Immagine: © Ricardo Arduengo / AFP via Getty Images)

 

Immagini e video sconvolgenti hanno documentato l’inizio della fine per uno dei telescopi più iconici del mondo.

L’Osservatorio di Arecibo della National Science Foundation a Puerto Rico, noto per i suoi studi su asteroidi e alieni e per il suo cameo in un film di James Bond, è crollato questa mattina (1 dicembre). La piattaforma da 900 tonnellate che pendeva sopra la parabola radio è caduta per 140 metri nella struttura sottostante intorno alle 8 del mattino, ora locale, causando ingenti danni documentati online.

Le immagini della distruzione sono tristi, anche se la situazione non è stata una sorpresa dopo che la National Science Foundation ha annunciato giorni fa che avrebbe dovuto smantellare l’osservatorio a seguito di uragani e danni ai cavi presso il famoso osservatorio.

Relazionato: Il radiotelescopio dell’Osservatorio di Arecibo a Porto Rico è crollato

Immagine 1 di 3

Questa vista aerea mostra i danni all’Osservatorio di Arecibo dopo uno dei i cavi principali che reggono il ricevitore si sono rotti ad Arecibo, Porto Rico, il 1 ° dicembre 2020. (Credito immagine: Ricardo Arduengo / AFP tramite Getty Images)

 

Immagine 2 di 3

(Credito immagine: Ricardo Arduengo / AFP tramite Getty Images)

Immagine 3 di 3

Questa vista aerea mostra i danni all’Osservatorio di Arecibo dopo che uno dei cavi principali che reggono il ricevitore si è rotto ad Arecibo, Porto Rico, a dicembre 1, 2020. (Credito immagine: Ricardo Arduengo / AFP tramite Getty Images)

“Abbiamo sentito un forte suono, un forte scoppio fuori dalla sala di controllo. Abbiamo iniziato a vedere l’eventuale caduta dell’osservatorio “, ha detto Ángel Vázquez, capo delle operazioni dei telescopi e lavoratore ad Arecibo per quattro decenni in un video pubblicato su Twitter .

Puntamento In un grande poster-immagine dei cavi che sorreggono la piattaforma di Arecibo, Vázquez ha detto che durante la scorsa settimana coloro che lavoravano all’osservatorio hanno visto fili staccarsi dai tre cavi rimanenti che sostenevano la piattaforma su un lato. I trefoli erano sicuramente segni di maggiore stress arriva sui cavi a causa del minor numero di loro che sostengono il peso della piattaforma, ha detto.

“Alla fine, ha ceduto”, ha detto. L’altro lato della piattaforma aveva ancora cavi in ​​tensione, ha aggiunto, quindi la piattaforma non ha improvvisamente cadono, ma ci sono voluti circa 30 secondi per scivolare nella parabola della radio.

Relazionato: La perdita dell’Osservatorio di Arecibo crea un vuoto scientifico che non può essere riempito

Riprese con drone scattata dopo il crollo mostra le torri del cavo accartocciate che giacciono sulla sommità del piatto, con pezzi di torre e altri detriti sparsi per l’area. Numerose foto pubblicate su Getty Images dal fotografo Ricardo Arduengo dell’Agence France-Presse mostrano gli elementi della parabola radio divisi nel mezzo dalla forza della caduta.

 

“Gli ingegneri sono sul posto. Le priorità principali sono mantenere la sicurezza nel sito e valutare i danni”, NSF ha detto su Twitter , insieme a un primo piano del danno che mostra l’accartocciamento nel radiotelescopio

“Sapevamo che questa era una possibilità, ma è ancora straziante vedere”, Elizabeth Klonoff, vicepresidente per ricerca presso UCF, detto in una N Dichiarazione SF . “La sicurezza del personale è la nostra priorità numero uno. Abbiamo già ingegneri in loco per aiutare a valutare il danno e determinare la stabilità e la sicurezza della struttura rimanente. Continueremo a lavorare con la NSF e altre parti interessate per trovare modi per supportare la scienza missione ad Arecibo. “

Segui Elizabeth Howell su Twitter @howellspace. Seguici su Twitter @Spacedotcom e su Facebook.

 

Unisciti ai nostri forum spaziali per continuare a parlare di spazio sulle ultime missioni, cielo notturno e altro ancora! E se hai un suggerimento, una correzione o un commento su una notizia, faccelo sapere a: [email protected]